Fuera de huevo

Mentre finisco la mia prima esperienza col flamenco, tiro giù le somme di questo mese spagnolo, e come spesso capita, mi accorgo che quando cerchi una cosa, ne trovi un’altra. O ne trovi molte altre, insieme a un’infarinata profonda di dita, corde, legno, arpeggi, scale, farsetas, detalles, bulerias, soleá, rumbas, remates, e un mucchio selvaggio di informazioni pronte a posarsi sulle mie note. Lo studio è noioso, ma non lo è la sensazione di aver imparato qualcosa. Quella piccola consapevolezza che ti dà il corpo quando comincia a muoversi meglio. Quando cominci a battere il piede nel compás giusto, e quando la mani sembrano voler andare da sole, come un uccellino che prova il suo primo decollo, in quei momenti anche la mente comincia a rilassarsi, rallenta, cammina al ritmo di musica, facendo scorrere i pensieri all’incontrario, come il treno dei desideri. I momenti, generosi, si ripresentano davanti a te e ti accorgi che sei un po’ cambiato. E’ soltanto quando ci fermiamo che possiamo vedere il paesaggio e, quindi, vederci noi nella cornice. L’andata, gli arrivederci, i benvenuti, le prese di corrente, la Rambla, i colori delle linee della metro, i libri letti lì dentro, i mercati, i concerti, il teatro, le prove, lo studio delle lezioni e delle nuove canzoni da presentare, i prossimi mesi, i parchi, i vicoli, le cene, i nuovi e vecchi amici, i regali, i favori, le radio e tv, i panni stesi del Raval, i musei, la valigia piena, i sogni, i temporali, le nuove parole, le visite, le chitarre, il bar di fiducia, le foto, i gol del Barça, la casa di Dalì, le gite per la Catalunya, la nostalgia, la spesa, i vicini francesi che litigano per poi trombare, le cuffie ad alto volume, le serate improbabili, las tapas, gli artisti di strada, Gaudí, le videochiamate, i graffiti, le chiese, le corse guardando il mare di Barcelona.
Quando cerchi qualcosa ne trovi un’altra, e quando non la cerchi, forse è il momento in cui arriva. Non so se diventerò mai un chitarrista flamenco. Ma cercando e trovando rinasco cambiando pelle, rompendo un altro guscio, uscendo da un altro uovo, come in una matrioska infinita: ogni volta farsi trovare pronti, e partire per un nuovo volo.

2 risposte a “Fuera de huevo”

  1. Come dici te: E’ soltanto quando ci fermiamo che possiamo vedere il paesaggio…cambiando pelle, rompendo un altro guscio, uscendo da un altro uovo, come in una matrioska infinita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.